mercoledì 4 gennaio 2017

Vellutata di cavolfiore con pesto al prezzemolo: ricetta

Finiti, o quasi, i banchetti di Natale e Capodanno, ritorniamo alla normalità alimentare. Per il 2017 vi auguro un'alimentazione sana, equilibrata, nutriente e personalizzata in base al vostro stato fisiopatologico... E ogni bene possibile!

Io riprenderò l'attività in studio martedì 10 gennaio. Ho ancora qualche giorno di ferie che sto trascorrendo tra aggiornamenti professionali e fornelli. 

Oggi mi sono dedicata al cavolfiore. Il cavolfiore è un ortaggio ricco di fibre ma anche di nutrienti preziosi come calcio e acido malico, una molecola che favorisce l'assorbimento dello zinco. Il suo consumo è pertanto consigliato in particolare agli ultra cinquantenni, ai vegetariani e ai vegani per soddisfare il fabbisogno di questi minerali. 

Questo piatto mi è molto caro perché mi ricorda un fantastico soggiorno dell'anno scorso in un centro benessere a Caramanico Terme. Al ristorante mi hanno servito una vellutata di cavolfiore con soffritto di alici; a casa io ho rivisitato un po' la ricetta aggiungendo il prezzemolo.

Per preparare la vellutata di cavolfiore per 4 persone, in una pentola ho messo a bollire un litro d'acqua con carota, sedano, cipolla, un cavolfiore di piccole dimensioni e cinque patate medie. 

Per il pesto al prezzemolo, ho lessato 2 uova facendole bollire per 8 minuti (non più di 8 minuti, altrimenti diventeranno indigeste). In una tazza da latte, ho frullato con il mixer abbondante prezzemolo, 4 alici sott'olio sgocciolate, un cucchiaino di capperi, una noce di mollica di pane bagnata con un goccio di aceto di vino, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, circa 100 ml di acqua e i tuorli delle uova sode. 

Il pesto al prezzemolo è buono anche da solo sul pane o come condimento per un secondo piatto di pesce. I vegetariani escluderanno le alici e lasceranno le uova, i vegani elimineranno sia le alici sia le uova aggiungendo 2 cucchiai di legumi.

Ho tagliato del pane raffermo a cubetti e l'ho messo in forno ad abbrustolire. Poi, a cottura ultimata, sempre con il mixer ho frullato le patate, il cavolfiore, la carota, il sedano e la cipolla, aggiustando di sale. Ho composto il piatto mettendo alla base la crema di ortaggi, un giro di pesto al prezzemolo e in cima i crostini di pane. Buon appetito!


Nessun commento:

Posta un commento