giovedì 21 settembre 2017

La mia torta di ricotta e fichi

Volge al termine il tempo dei fichi. Quelli che troviamo in questo periodo, a fine Settembre, sono i fichi tardivi, dolcissimi. Molti ne temono l'elevato contenuto calorico e di zuccheri e finiscono così per non mangiarli, pur amandoli. Io inserisco sempre i fichi nei programmi nutrizionali: quasi sempre metto un fico come razione di frutta nel pasto principale, due fichi come spuntino spezza - fame.

Quest'anno il raccolto di fichi è stato buono. Le piante del mio ragazzo, per esempio, si sono riempite di fichi bianchi e neri. A me non piacciono freschi, quindi che farne? Avremmo potuto farne una marmellata ma di quelle siamo già ben forniti. Una buona idea è anche quella di surgelarli, in modo da poterli usare per cucinare anche in inverno per creare piatti agrodolci. A me è venuto in mente di essiccarli e farci una torta

Per essiccare i fichi, basta raccogliere dei fichi molto maturi, lasciarli con la buccia e aprirli a metà con le mani (o tagliarli a metà con il coltello). 
L'essiccazione dei fichi si può fare al sole o in forno. Se scegliete di farla al sole, mettete i fichi su un vassoio ed esponeteli all'aria e al sole. E' buona cosa coprirli con una retina, in modo da evitare il contatto con le mosche, che potrebbero farli marcire. In questo periodo, però, che le ore di luce diminuiscono e le temperature sono più fresche, l'esposizione al sole non sarebbe sufficiente per l'essiccazione: abbiamo perciò scelto il forno. Dopo aver allestito il vassoio, abbiamo messo i fichi ad essiccare in forno a 50 gradi per 7 - 8 ore. Così avremo i fichi secchi da mettere nel muesli o anche da fare mandorlati.

... Ma non li ho essiccati tutti. Ne ho lasciati dieci per una torta di ricotta e fichi, per la cui ricetta mi sono ispirata ad una vecchia torta di ricotta di mia mamma. Vi assicuro che è un capolavoro.
Ho preso per la massa:
• 400 g di farina di grano Senatore Cappelli;
• 2 uova;
• 150 g di zucchero;
• 80 ml di olio di semi di arachide;
• una bustina di lievito per dolci.

Per la farcitura:
• 10 fichi neri molto maturi;
• 400 g di ricotta di mucca;
• 100 g di amaretti;
• mezzo bicchiere di liquore nocino;
• la scorza grattugiata di un limone;
• un cucchiaio di cacao in polvere;
• un cucchiaino di cannella in polvere;
acqua q.b.

Il procedimento è molto semplice: impastate la massa sbattendo le uova con l'olio, aggiungete lo zucchero, il lievito e la farina. L'impasto vi risulterà granuloso: non preoccupatevi, è così che deve essere. Tenete la massa da parte.
Preparate la farcitura: sbucciate i fichi e schiacciateli in modo da ridurli in purea, amalgamateli con la ricotta, gli amaretti sbriciolati finemente, il liquore, la scorza grattugiata di limone, la cannella e il cacao. L'impasto deve essere semiliquido, quindi aggiungete un po' di acqua tiepida per regolarne la consistenza. 
Prendete uno stampo a cerniera e foderatelo con la carta forno. Prendete la massa e dividetela a metà ad occhio. Prendete una massa e sbriciolatela sul fondo dello stampo, in modo da avere tanti piccoli granelli. Coprite questo strato con tutta la crema e mettete sopra alla crema l'altra metà della massa, sempre sbriciolandola. 
Cuocete in forno ventilato a 180 gradi per 25 - 30 minuti. Il risultato è questo: 
e dopo la cena di ieri sera, questo: 
... Gli ospiti hanno gradito!

Nessun commento:

Posta un commento