giovedì 26 gennaio 2017

Come fare la frutta essiccata in casa

La frutta essiccata, diversa dalla frutta secca o frutta in guscio, si ottiene per disidratazione della frutta fresca. Possiamo essiccare praticamente tutti i frutti: pere, mele, prugne, albicocche, uva, arance, banane, frutti di bosco, fino ai più esotici mango e papaia. 

I frutti essiccati sono alimenti eccezionalmente ricchi di calcio e ferro, adatti a togliere la voglia di dolce a fine pasto e per gli spuntini di adulti e bambini (più buoni delle caramelle!). Possiamo aggiungerli allo yogurt della merenda o ai cereali per comporre il nostro muesli della colazione. 

Ricordo da un viaggio fatto in Israele qualche anno fa, che in tutto il Medio Oriente è usanza offrire agli ospiti la frutta essiccata e la frutta in guscio, magari da accompagnare ad una tisana fruttata. 

Vediamo insieme come preparare in casa la frutta essiccata. Se volete, potete acquistare un essiccatore nei negozi di elettrodomestici. Intanto io vi spiego come essiccare la frutta con il semplice forno da cucina

Prendiamo della frutta della stagione invernale: prugne, pere, banane, mele e arance. Sbucciamo arance e banane. Nel caso di mele e pere, se non sono trattate, possiamo non sbucciarle, sarà sufficiente lavarle bene; se sono trattate, sbucciamole per evitare di assumere residui di pesticidi presenti sulla buccia. Laviamo bene le prugne. 

Tagliamo tutta la frutta a fette sottili dello spessore di circa mezzo centimetro. Teniamo le fettine in ammollo in una soluzione di acqua e succo di limone per 5 minuti, così la frutta non annerirà durante la cottura. Dopo averle scolate, mettiamo in forno ventilato a 50-60 gradi per i tempi seguenti: prugne 6 ore, pere 6 ore, banane 6 ore, mele 6 ore, arance 8-10 ore. 

Dopo aver fatto raffreddare, riponiamo le fettine in barattoli di vetro sterilizzati chiudendo bene con il coperchio. Conserviamo ad una temperatura di 20 gradi e consumiamo nel corso di 6 - 12 mesi.

Se vi state chiedendo quanto spenderete, vi do qualche consiglio per risparmiare: il costo dell'energia elettrica può essere ammortizzato se facciamo la cottura nella fascia serale o nel week end quando l'energia costa meno; possiamo mettere in forno quattro teglie di frutti diversi, in modo da sfruttare lo stesso calore per una quantità di frutta maggiore. Se consideriamo il costo della frutta essiccata nei supermercati o nei negozi ortofrutticoli, ci conviene sicuramente la preparazione casalinga. In questo modo ci eviteretemo anche una buona dose di additivi, conservanti e zuccheri.


Nessun commento:

Posta un commento